Le nuove Moterra e Habit 2020

Le nuove Moterra e Habit 2020:

Le nuove Moterra e Habit portano nel mondo delle eMtb importanti innovazioni che, in piano stile Cannondale alzano l’asticella nel mondo delle e-mountainbike, ecco le principali:

Telaio Carbon: il triangolo principale è interamente in carbonio, non solo per alleggerire il peso della bici, ma soprattutto per essere più resistenti agli urti (il punto di rottura del carbonio è nettamente più elevato rispetto al punto di piegatura di un telaio di alluminio) ma anche per occupare meno spazio per il passaggio dei cavi all’interno del telaio.

Nella zona di innesto del motore al telaio non ci sono i tradizionali elementi in alluminio inseriti nello stampo del telaio in carbonio, Cannondale infatti è l’unico produttore utilizza che riesce ad evitare questi innesti per i telai in carbonio portando cosi benefici sia sul piano del peso che sulla linea estetica.

Nuovo motore Bosch Cx di 4°gen: il volume è stato ridotto del 48% nelle dimensioni a parità di coppia erogata, questo è un gran risultato, ma più coppia in meno spazio vuol dire più surriscaldamento, ed è per questo che
Il guscio paramotore ha degli speciali convogliatori di aria per favorire l’ingresso dell’aria nei posti giusti del motore e garantire così un miglior raffreddamento del motore

Propotional response: Cannondale sviluppa la cinematica in proporzione alla taglia delle bici. In questo modo cambia la curva della compressione: al crescere della taglia cambiano i punti di fulcro della sospensione così cambia anche la curva della comprensione della sospensione.

Vantaggi: I ciclisti di taglia grande (e di solito più pesanti) non dovranno lavorare con compressioni elevate sulle sospensioni, e utilizzando pressioni inferiori migliorano il feling delle sospensioni. I ciclisti più piccoli di statura invece potranno utilizzare pressioni più elevate e sfruttare meglio la progressività dell’ammortizzatore. Questa tecnologia sostituisce e migliora il lavoro svolto dei token che lavorando solo su una minima riduzione del volume d’aria della sospensione non offrono una soluzione integrata ottenuta invece lavorando sul cinematismo del telaio.

Qfactor: Nelle nuove Cannondale il Qfactor rimane invariato (rispetto alle bici muscolari) ma si è lavorato spostando la corona anteriore verso l’esterno per compensare l’allineamento con il giro catena sui pignoni posteriori generato a sua volta da un secondo e importante motivo: in tutte le nuove mtb Cannondale il cerchio è esattamente al centro del mozzo consentendo alla ruota di avere raggi sul lato sx uguali ai raggi del lato dx. Questo oltre ad avere cerchi più robusti e bilanciati, permette di avanzare la posizione della ruota e aver uno dei carri posteriori più corti sul mercato, a tutto vantaggio dell’agilità sullo stretto. Cannondale è l’unico marchio ad essa stato autorizzato da Bosch ad utilizzare uno spider diverso per adattarsi a questa soluzione tecnica.

In conclusione è possibile affermare che Cannondale non ha lavorato molto bene solo sulla linea estetica delle sue nuove E-MTB, ma sta portando all’interno del mondo dell’elettrico diverse soluzioni tecniche molto performanti per clienti sempre più esigenti.

Non vi resta che venire a vederle in negozio, vi aspettiamo!