COME SCEGLIERE LA PROSSIMA E-BIKE MTB, GUIDA ALL'ACQUISTO

Oggi giorno, nel settore e-mtb, sono disponibili un’infinità di varianti che rendono davvero difficile la scelta della prossima compagna di avventure.

Capire quanto spendere, e come individuare quella giusta, è un’operazione che richiede innanzitutto tempo e una certa conoscenza del settore.

Ecco la nostra guida all'acquisto per scegliere la giusta e-bike mtb se, anche tu, ti trovi una situazione di indecisione.

Come vedrai qui sotto, andremo ad analizzare le caratteristiche più importanti per la scelta di una e-mtb, con l’intento di individuare così il miglior rapporto qualità prezzo in base alle proprie esigenze.

In sintesi le 10 caratteristiche analizzate sono:

  1. E-mtb front o full?
  2. Diametro delle ruote 27,5", 29" o misto (mullet)?
  3. Escursioni delle sospensioni
  4. Potenza del motore
  5. Capacità della batteria
  6. La componentistica
  7. Carbonio o Alluminio?
  8. La taglia giusta
  9. Il prezzo
  10. Dove comprarla

E-MTB FRONT O FULL?

Partiamo col dire che le front stanno ad indicare le mtb ammortizzate solo sulla forcella anteriore, mentre le full sono ammortizzate sia sulla forcella anteriore che sulla ruota posteriore.
Entrambe sono bici pensate per chi effettua principalmente escursioni in montagna tra sentieri e sterrati più o meno sconnessi.

La front è senza dubbio la più indicata per chi percorre tracciati sterrati o sentieri con fondo poco sconnesso ma anche frequentemente tragitti completamente asfaltati o con fondi lisci.
L’assenza della sospensione posteriore la rende più leggera e performante in fase di pedalata (in riferimento a fondi lisci o poco sconnessi) grazie alla maggior rigidità del telaio rispetto ad una full; tutto ciò ne ottimizza anche il consumo di batteria.

La full invece è “obbligatoria” per chi pratica sterrati o sentieri con fondo molto sconnesso, sia in fase di salita che in fase di discesa.

La presenza della sospensione posteriore, oltre che rendere la seduta più confortevole in tratti sconnessi, garantisce una maggior sicurezza in termini di aderenza al terreno e controllo della bici nelle condizioni più critiche.

Inoltre, nel caso di una MTB elettrica, la sospensione posteriore è molto importante anche in fase di salita essendo che, grazie al motore, si possono affrontare pendenze e ostacoli che diversamente non sarebbero accessibili con una mtb tradizionale (muscolare).

DIAMETRO DELLE RUOTE 27,5

Altro fattore determinante nella scelta della prossima e-mtb è il diametro delle ruote.
Oggi giorno il mercato si sta orientando sempre più sul formato 29”, sia sulle mtb front che sulle mtb full.
Ma quali vantaggi porta un diametro di ruota maggiore?
Più importante tra tutti è la miglior capacità di superare un ostacolo, rendendo la guida più facile e sicura sia in fase di salita che, soprattutto, in discesa.
Altro punto a favore è che una ruota da 29” necessiterà di una escursione della sospensione minore rispetto al 27,5” proprio grazie al punto prima esaminato; questo permette l’acquisto di e-mtb con minore escursione e quindi una miglior resa di pedalata.

Viceversa, una mtb con ruote da 27,5” risulterà più maneggevole e meno ingombrante, rendendo la bici più giocosa. Inoltre, la ruota da 27,5” gode di maggior rigidità, trasferendo una sensazione di solidità superiore al guidatore.

Una doverosa considerazione va però fatta anche in funzione della taglia, in una bici di taglia piccola, come nel caso di una S, la ruota da 29" risulta sproporzionata rispetto alle dimensioni della bici e viceversa per una taglia XL con ruota da 27,5".

In fine, il sistema mullet, ovvero 29” sull’anteriore e 27,5” sul posteriore, è una soluzione che si vede sempre più sulle mtb improntate alla discesa. Il grande vantaggio di questo sistema è quello di avere una mtb in grado di superare facilmente gli ostacoli sul percorso e allo stesso tempo essere più agile nel guidato rispetto a una mtb con ruota da 29” sul posteriore.

In assoluto non c’è un sistema migliore dell’altro, tutto è vincolato dalle necessità del ciclista.

ESCURSIONE DELLA SOSPENSIONE

A questo punto bisogna valutare di quanta escursione si ha bisogno, in base al tipo di utilizzo finale della e-mtb, di seguito esamineremo le principali escursioni della sospensione anteriore, mentre l’escursione della sospensione posteriore è quasi sempre una conseguenza della scelta fatta per la sospensione anteriore.

In quasi tutti i casi, le e-mtb front arrivano a un massimo di 120mm di escursione della forcella dovuto dal fatto che sono bici pensate per avere un’ottima resa di pedalata.
Per il mondo full, invece, si possono trovare e-mtb con escursioni che, solitamente, variano da 120mm a 180mm.

Va sempre considerato che maggiore è l’escursione peggiori sono il comfort e le prestazioni in fase di pedalata; questo si traduce anche in un maggior consumo di batteria.

Inoltre, con l’aumentare dell’escursione, vediamo variare le geometrie della e-mtb in direzione di un maggior utilizzo discesistico.

Sicuramente, le e-mtb con escursioni tra i 140mm e i 160mm sono le migliori per un utilizzo misto, ovvero il classico giro con tanta salita, seguita da una lunga discesa su percorsi mediamente sconnessi.

Per quanto riguarda i modelli con escursioni fino a 180mm, sono prodotti pensati per un utilizzo principalmente discesistico e gravoso e quindi non consigliati per un utilizzo misto.

POTENZA DEL MOTORE

In commercio sono disponibili moltissime opzioni per quanto riguarda la scelta del motore, potendo variare tra tanti produttori che a loro volta offrono altrettanti modelli.

Nel caso di una E-mtb è consigliato puntare a motori con una buona/ottima potenza massima.
Nella media, un motore con 70Nm di coppia è già un ottimo prodotto per affrontare salite e pendenze mediamente accentuate.

Se invece l’utilizzo finale della E-mtb è quello di affrontare sentieri molto sconnessi, pendenze estremamente pronunciate e guadagnare quota a massima velocità, bisognerà inevitabilmente optare a motori di punta come es. Bosch performance CX e Shimano EP8, dotati di 85Nm di coppia per garantire supporto in ogni condizione.

LA CAPACITÀ DELLA BATTERIA

Stabilire quanti chilometri può percorrere una e-mtb è praticamente impossibile.

Il peso del ciclista, la potenza richiesta al motore, il tipo di fondo, la pendenza della salita, il corretto utilizzo del cambio, ecc. sono tutti fattori che influiscono sulla durata della batteria.

Oggi, acquistando una e-mtb di media gamma, si può trovare montata una batteria da 630Wh che garantisce un’elevata autonomia, in grado di assistere il ciclista in lunghe escursioni.
in questo 2022 andando su modelli di media/alta gamma possiamo optare anche per batterie da circa 750Wh per un’autonomia ancor maggiore.
Va ricordato però che, maggiore è la capacità della batteria, maggiore è il peso di questa, andando a peggiorare le performance della e-mtb nelle guide più sportive.
Su determinate e-mtb è inoltre possibile montare una seconda batteria; questa soluzione torna molto utile per chi ha in progetto itinerari estremamente lunghi o necessita di colmare i limiti della prima batteria.

Per non avere dubbi su quale batteria fa al caso tuo, l’unico mezzo di misura valido è provare una e-mtb e valutare. Se non conosci nessuno che può prestartela, ti consigliamo vivamente di noleggiarne una per avere una visione più definita sul prodotto finale che andrai ad acquistare. Nel nostro store ad esempio mettiamo a disposizione 3 tipologie diverse di motori e 2 capacità diverse di batteria, se desideri maggiori informazioni sul nostro noleggio clicca qui.

LA COMPONENTISTICA

Come tutti gli altri punti visti, anche la componentistica viene determinata dall’utilizzo finale della e-mtb.

Nel caso di una guida tranquilla, affrontando percorsi mediamente facili, non si ha la necessità di avere una componentistica al top.

Viceversa, se si ha una guida aggressiva, andando ad affrontare percorsi molto sconnessi con pendenze importanti, una maggior attenzione anche sulla componentistica della bici è sicuramente doverosa.

In entrambi i casi, però, ci sono delle componenti che non vanno assolutamente trascurate; stiamo parlando dei freni, il cambio e le sospensioni.

I freni: sono l’unica sicurezza di cui è dotata la bici. Molto spesso, non si considera che con una e-mtb, in seguito a lunghe salite, si debbano affrontare anche lunghe discese, questo, in aggiunta al peso extra rispetto una bici tradizionale, mette seriamente in crisi i freni più economici, portandoli ad eccessivi surriscaldamenti. il risultato è un freno che risponde male ai comandi, mettendo in pericolo il ciclista.

Il cambio: un buon cambio garantisce cambiate precise in tutte le condizioni, soprattutto su fondi sconnessi dove è facile mettere in crisi la trasmissione. Inoltre, la potenza del motore sollecita notevolmente l’intera trasmissione, peggiorando la resa di cambiata sui cambi economici. In ultimo, ma più importante, è bene optare per un pacco pignoni posteriore con 48-50 o 52 denti della corona più grande, questo non solo garantisce un rapporto migliore per le salite più impegnative (un vero divertimento con le e-bike) ma garantisce anche un minor consumo di batteria (stimato circa del 10%).

Le sospensioni: delle buone sospensioni si fanno apprezzare fin da subito per rigidità e fluidità nell’affondamento già su fondi poco sconnessi. Su una e-mtb full sono il tassello fondamentale per una resa ottimale del mezzo. Le sospensioni dotate di regolazioni, con una corretta impostazione, migliorano notevolmente la qualità di guida e la sicurezza nella conduzione della bici. Essendo componenti soggette ad usura, una buona sospensione gode di una vita più longeva rispetto a un prodotto economico.
Sicuramente le sospensioni ad aria sono le migliori in termini di settaggio, potendo scegliere la pressione precisa per il nostro peso ed effettuare una corretta taratura in base al percorso affrontato.

Investire di più in questi componenti ti garantisce una e-mtb affidabile, sicura, con vita longeva ma soprattutto divertente da usare!

CARBONIO O ALLUMINIO?

Le principali differenze tra carbonio e alluminio sono a vantaggio del carbonio essendo più leggero e resistente, oltre che più efficace nell’assorbire le vibrazioni.
Il vero grande neo del carbonio è il prezzo, essendo molto più costoso rispetto all’alluminio.

A parità di prezzo, una e-mtb in alluminio monta una componentistica migliore rispetto a una e-mtb in carbonio.

Qui la scelta è vincolata del semplice fatto di preferire una qualità generale dei componenti migliore, oppure cedere alla bellezza e resa dei telai in carbonio.
Va comunque detto che anche i telai in alluminio prodotti oggi offrono performance incredibili e parlare di peso ridotto su una e-mtb non interessa proprio a tutti.

LA TAGLIA GIUSTA

Fissati tutti i punti precedentemente analizzati, bisogna prestare molta attenzione nella scelta della taglia giusta.
Prendere una taglia sbagliata si traduce, innanzitutto, in una postura sbagliata e in una resa della e-mtb non ottimale.
Una volta individuato il modello di bici che si vuole acquistare, bisogna verificare quale taglia fornisce il produttore per la propria altezza.
Nel caso ci si trovi a cavallo tra una taglia e l’altra, le scelta verrà condizionata dal tipo di guida che ognuno di noi predilige; in assoluto la taglia più piccola aiuta nella maneggevolezza della e-mtb mentre la taglia più grande porta notevoli migliorie in termini di controllo e stabilità ad alte velocità.

PREZZO

Dalla nostra esperienza di rivenditori di 9 marchi diversi, possiamo dire che il prezzo medio per una e-bike mtb front di giusta qualità, con batteria da ±500Wh e un motore affidabile si aggira sui 2600€. Scendendo di prezzo si subisce inevitabilmente una riduzione dell’autonomia della batteria, oltre che, al peggioramento di tutte le componenti. Viceversa, salendo di prezzo si possono considerare batterie più capienti e componenti di miglior qualità.

Riteniamo, invece, che il prezzo medio per una e-bike mtb full destinata all’uso off-road più o meno intenso parta dai 4200€ circa a salire. Con questa cifra si può puntare a e-mtb full con batteria da 630Wh, motore potente e affidabile e una componentistica pronta ad affrontare condizioni difficili.

Questi sono i prezzi mediamente presenti su tutte le e-mtb realizzate con componenti di marchi noti. Vista la tipologia di prodotto è fortemente consigliato l’acquisto di marchi noti e conosciuti nel settore e-bike per ottenere affidabilità e godere di ottima assistenza e garanzia in caso di problemi.

Bisogna diffidare dai prodotti troppo economici, presenti principalmente on-line, per evitare situazioni sgradevoli.

DOVE ACQUISTARLA

Sicuramente on-line si possono trovare prezzi vantaggiosi rispetto all’acquisto in negozio ma va considerato un fattore molto importante: per quanto non sembri, le e-bike sono biciclette assai complesse, dotate di innumerevoli componenti elettriche e, quindi, inevitabilmente necessitano di maggiore assistenza tecnica. Inoltre, sono soggette a costanti aggiornamenti del software dei vari componenti elettrici.
Avere un negozio che ti supporti in caso di assistenza è fondamentale, potendo delegare tutta la parte noiosa e godere di una e-bike sempre funzionante.

Acquistando on-line si rischia di perdere tutta l’assistenza post-vendita che nel caso dell’e-bike è fondamentale.
Altro punto fondamentale è quello di poter contare su una persona fisica o meglio un team di persone qualificate, che possano darti un servizio sia in fase di scelta prima dell’acquisto, ma soprattutto poter contare su un ottimo servizio di assistenza post-vendita.